Decreto sicurezza DL 130 2020 convertito in Legge 173 2020

Disposizioni urgenti in materia di immigrazione, protezione internazionale e complementare, modifiche agli articoli 131-bis, 391-bis, 391-ter e 588 del codice penale, nonche’ misure in materia di divieto di accesso agli esercizi pubblici ed ai locali di pubblico trattenimento, di contrasto all’utilizzo distorto del web e di disciplina del Garante nazionale dei diritti delle persone private della liberta’ personale.

Il nuovo decreto sicurezza, firmato il 5 ottobre e Pubblicato in GU n.261 del 21-10-2020 quindi operativo dal 22/10/2020,  rivede le modifiche attuate dai due decreti sicurezza del 2018 e 2019.

Sostanzialmente ripristina il sistema di accoglienza (ex SPRAR), riduce le multe per le ONG, ripristina un sistema di valutazione delle richeste di asilo che tenga conto della situazione del richiedente riabilitando i Motivi Umanitari ora definiti Protezione Speciale.

Venogno ripristinati i diritti alle cure e all’iscirzione anagrafica dei richiedenti asilo.

Inoltre interviene sulla possibilità di convertire varie tipologie di permesso di soggiorno in permessi di lavoro.

Il decreto è stato convertito in Legge 173 del 18 dicembre 2020 entrata in vigore il 20/12/2020

Sono state confermate le conversioni in lavoro subordinato per le seguenti tipologie di permessi di soggiorno:
  • Protezione speciale
  • Calamità
  • Residenza elettiva
  • Acquisto cittadinanza
  • Apolidia
  • Attività sportiva
  • Lavoro di tipo artistico
  • Motivi Religiosi
  • Assistenza minori
  • Cure mediche (ex art. 19 lettera d-bis per gravi motivi di salute)

Il cure mediche da visto (ex art. 36 derivato da ingresso con visto) può lavorare, ma non convertire.
 
Vengono introdotte variazioni anche su altre tipologie di permessi.
Viene ripristinato il permesso per motivi umanitari a denominazione “Protezione speciale”.
Viene re-istituita l’accoglienza ex-SPRAR poi SIPROIMI per vaire categorie di permessi.
 
E’ anche stato abrogata l’indicazione dei flussi di ingresso, senza però che sia ancora stata definita una modalità alternativa di ingresso.

DL 130 2020 GU

Legge 173 del 18/12/2020

Ultimo aggiornamento