L'apprendistato

Il contratto di apprendistato è disciplinato a livello nazionale dal Decreto legislativo n. 81 del 2015 “Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni” e relativo dal Decreto interministeriale del 12/10/2015.

L’apprendistato, per il suo contenuto formativo, è il contratto che la Regione ha scelto di sostenere per favorire un accesso qualificato dei giovani nel mercato del lavoro. Ne esistono tre diverse forme:

apprendistato per la qualifica,

apprendistato professionalizzante e

apprendistato di alta formazione e ricerca.

La Regione ha recepito il decreto con la Delibera di Giunta n.963 del 21/06/2016 che approva uno schema di protocollo d’intesa tra Regione Emilia-Romagna, Ufficio Scolastico Regionale, Università, Fondazioni ITS e parti sociali sulla disciplina di attuazione dell’apprendistato, in particolare dell’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e dell’apprendistato di alta formazione e di ricerca. Dopo la firma del protocollo del 14 luglio 2016, la Regione ha individuato le modalità con cui rendere disponibile l’offerta formativa.

In particolare, la Regione sostiene i contratti di apprendistato che permettono ai giovani di conseguire un titolo di studio lavorando in impresa, dalla qualifica professionale al diploma, fino alla laurea, al master universitario e al dottorato di ricerca.

Maggiori informazioni circa l’apprendistato in Emilia Romagna sono consultabili qui.

Ultimo aggiornamento